Recycling: il gesso dalla polvere alla polvere

Il gesso è un materiale naturale al 100%. Estratto dalle cave, viene utilizzato per la produzione di lastre in gesso rivestito senza che siano aggiunti componenti di natura chimica dannosi per l’ambiente. Nella trasformazione in lastre, il gesso viene associato a fogli di cartone di armatura sui due lati della lastra per migliorarne la compattezza. Il cartone è anch’esso un materiale ecologico e pertanto il manufatto finale è naturale e riciclabile. La normativa in materia ambientale attualmente in vigore, riconosce questa peculiarità e classifica il cartongesso come “rifiuto speciale non pericoloso”: per questa tipologia di materiali di scarto da cantiere è previsto il conferimento in centri di raccolta specializzati. Da qui lo smaltimento avviene in discariche autorizzate oppure si procede al riutilizzo in ambiti particolari. Questa modalità di gestione dello scarto da cantiere comporta costi di un certo peso per tutti gli attori della filiera, in particolare per l’applicatore che contribuisce con una spesa variabile tra i 100 e i 200 euro per tonnellata di gesso smaltito.

L’attività di smaltimento richiede un impegno da parte di applicatori e imprese edili necessario e importante ma diretto esclusivamente all’eliminazione fine a se stessa del rifiuto da cantiere. Lo smaltimento a norma presso discariche autorizzate ha comunque un impatto ambientale: il prodotto giunto a fine vita viene infatti eliminato senza valutare il suo potenziale di risorsa. Il concetto di smaltimento sostenibile consente di trasformare il rifiuto in risorsa, la necessità in opportunità: per questo la normativa orienta in modo chiaro verso soluzioni che prevedano l’utilizzo del rifiuto come risorsa da reinserire nel ciclo di vita del prodotto. Passare dallo smaltimento in discarica al riciclo significa: 1. Ridurre l’impatto ambientale utilizzando il gesso di scarto come materia prima secondaria e re-immetterlo nel ciclo produttivo 2. Ridurre i costi di smaltimento per applicatori e imprese edili.

Approfondimenti